Menu
A+ A A-

Il Borgo di Velate

Adagiato tra i prati sul versante meridionale del Campo dei Fiori, anticamente conosciuto come "Sacro Monte di Vellate", il borgo storico di Velate vanta numerose testimonianze storico artistiche di prestigio. Cominciamo con la torre medievale (XII secolo), di cui rimane oggi una porzione dell'altezza di 33 m, in cui si distinguono cinque piani scanditi da eleganti finestre monofore a doppia strombatura. La torre - smantellata nel secolo XII - è proprietà del F.A.I., Fondo Italiano per l'Ambiente, donazione della famiglia Zambeletti restaurata ed illuminata coni il contributo di Esselunga (per informazioni sui giorni di apertura telefonare alla delegazione F.A.I. di Varese).
Risale invece a prima del mille il campanile romanico della chiesa di S. Cassiano e Ippolito; sulla facciata, intonacata a calce, è distinguibile un antico affresco raffigurante S. Cristoforo, mentre sul fianco vi sono pitture quattrocentesche tra cui una Vergine in trono e S. Antonio Abate. All'interno rimangono decorazioni di stile bizantino e l'altare secentesco del presbiterio, in legno di noce dorato. Merita una visita anche l'edicola di S. Rocco, con affreschi del '400.
La chiesa parrocchiale è S. Stefano, ampliata nel '400 con aggiunta di abside e presbiterio; all'interno si conservano diverse sculture lignee tra cui un Crocefisso dei '600, mentre sull'altare è collocata una tela del 1634 raffigurante il 'Battesimo di Cristo'. Sopra il fonte battesimale (1529) vi è un affresco del '400 con la Vergine e il Bambino, mentre il ciclo d'affreschi absidale, opera di Pietro da Velate, è del primo cinquecento. In via Lanfranconi, antico percorso di salita al Sacro Monte, si notano il complesso delle Case Gotiche con splendido porticato a colonne in pietra e salone riccamente affrescato.
Ancora da menzionare straordinarie ville con parco privato: Villa Clerici, edificio o due piani con mezzanino e torre a loggetta terminale, eretta prima del '600; Villa Dotti, residenza varesina del pittore Renato Guttuso, che vi abitò dal '53 fino alla morte e ancora Casa Giulini, costruita nel '700 in un ampio parco. L'elenco continua con Villa Zambeletti (ora Ipazia, sede dello Studio Festi, agenzia di grandi eventi internazionali) splendido complesso di inizio '900 con torre romana e parco e con la tenuta delle Versaogne: cascine ristrutturate in 200 ettari di splendido parco visibili parzialmente dal sentiero N. 10 del Parco Campo dei Fiori.


logo regione

varese4u logo

Plan what to see in Varese with an itinerary including Sacro Monte Unesco di Varese